Strategie operative con opzioni e azioni

Esistono diverse strategie operative che combinano un’opzione con l’azione sottostante. Nella figura che trovate cliccando qui sono riportati i profitti e le perdite di queste strategie.

 

FIGURA a:

Il portafoglio è composto da una posizione lunga su un’azione e da una posizione corta su una call. La strategia d’investimento rappresentata da questo portafoglio è detta “vendita di una call coperta”. In questo caso si tende a minimizzare il rischio di perdere limitando però il profitto. Ad esempio simuliamo di comprare a marzo 100 azioni FIAT  a 18 € per un controvalore di 1800€, ci aspettiamo che per maggio il prezzo raggiunga i 20 €, quindi vendiamo 100 opzioni call su fiat con scadenza a maggio strike 20 €, il loro prezzo è 0,23 che moltiplicato x 100 da il controvalore di 23€, che incassiamo, vediamo ora cosa accadrà alla scadenza delle opzioni.

Scadenza opzione “at the money”:

Il prezzo delle FIAT a maggio raggiunge 20 € quindi l’opzione scadrà “at the money” noi guadagneremo 2 euro per azione (20-18) quindi 200 € + 23 € del premio delle 100 opzioni che non verranno esercitate dall’acquirente per un guadagno totale di 223€.

 

 

Scadenza opzione “in the money”:

Il prezzo del sottostante a maggio supera la nostra previsione e sale a 22 €, in questo caso noi venderemo le nostre fiat a 20€ a colui o coloro che avevano acquistato le nostre opzioni guadagnando così 200 € (2 euro a azione) + 23€ del premio delle opzioni per un totale di 223€: Avremmo guadagnato di più se NON avessimo venduto le call, infatti avremmo venduto a 25€ con un guadagno di (22-18=4€ x 100) 400 €.

 

Scadenza opzione “out of the money” con prezzo finale del sottostante maggiore del prezzo di carico.

Supponiamo ora che le fiat alla scadenza delle opzioni valgano 19€ più del prezzo a cui le avevamo in carico (18), ma meno del prezzo di strike dell’opzioni (20), incassiamo quindi 1 euro azione per un controvalore totale di 100 euro + i 23 euro delle opzioni che non saranno esercitate.

 

Scadenza opzione “out of the money” con prezzo finale del sottostante minore del prezzo di carico.

In questo caso ci troviamo di fronte a una perdita, le fiat anziché salire a 20 sono scese a 16. Perdiamo 2€ ad azione (18-16) quindi 200 euro totali però abbiamo incassato i 23€ del premio delle opzioni che avevamo venduto quindi -177€. Avremmo però potuto minimizzare ulteriormente le perdite vendendo le azioni appena sotto il valore di carico, ad esempio 17.80 (-1%) così avremmo perso 2€ per ogni azione quindi 23€ e guadagnato 23€ euro dal premio delle opzioni per una perdita totale a 0€.

 

Questo sistema ci permette di ridurre notevolmente le perdite fino ad azzerarle, ovviamente questa riduzione del rischio ci porta a una riduzione anche del profitto che è limitato al prezzo di strike dell’opzione meno il prezzo di carico più il premio dell’opzione quindi, come nell’esempio sopra, strike:20-prezzo di carico: 18-premio: 0.20 totale profitto massimo: 20-18+0.20= 2.20€ ad azione. Non sembrerebbe molto vantaggioso se non approfondito bene l’argomento. Al posto di 100 azioni supponiamo di acquistare 10 000 azioni per un controvalore di 180 000€. Nel primo caso il guadagno sarebbe di 22 300€, nel secondo caso sempre 22 300 €, nel terzo caso 12 300 € e nell’ultimo caso perdita circa 0. Questo metodo ci permette quindi di poter amplificare i guadagni investendo di più, molti broker permettono la marginazione fino al 5%, perciò si deve investire il 5% e il resto lo mette la banca quindi con 5000€ si va a investire per un controvalore di 100 000€.

 

 

FIGURA c:

Lo stesso discorso può essere fatto con l’acquisto di azioni e l’acquisto di puts (figura b) anziché la vendita di calls in questo caso si dice acquisto di una put difensiva. In questo caso se noi compriamo le solite 100 FIAT a 18 euro per un totale di 1800 e compriamo 100 putss con strike a 18 con scadenza sempre a maggio che costano 0.75€ per un totale di 75€. In questo caso fissiamo la perdita a 75€, ma non fissiamo il guadagno che è virtualmente illimitato. Perché nel caso in cui il prezzo sale oltre i 18 abbiamo un guadagno da parte delle nostre azione, ma perderemo il premio delle azioni cioè 90€, se viceversa il prezzo scende sotto i 18 noi venderemo le nostre azioni a 18 realizzando una perdita 0 sulle opzioni, ma perderemo i 90€ del premio pagato per le opzioni. Fissando la perdita diminuiamo però i guadagni di 75 €, quindi inizieremo a guadagnare se l’azione supera i 18.75 €, l’azione deve fare più del 4% entro maggio per iniziare a guadagnare. Le puts svolgono un ruolo di assicurazione, si può usare questo metodo quando si pensa ha dei motivi di salirà notevole per i prossimi due mesi, ma la situazione globale del mercato è a rischio o in situazioni di alta volatilità, perciò se la caduta del mercato non si realizza e il mercato prosegue senza problemi noi avremmo ridotto del 4% i nostri guadagni, nel caso però del crollo del mercato noi siamo protetti dalle puts e quindi usciremo perdendo solo i 75€ del premio delle puts.

 

 

 

FIGURA b:

Un’altra strategia è vendere allo scoperto le azione e comprare calls, è l’esatto opposto di comprare azioni e puts, solo che in questo caso puntiamo al ribasso e le calls funzionano da assicurazione. Vendiamo 100 FIAT, incassiamo (18×100) 1 800€, compriamo 100 call scadenza a maggio strike 18 che costano 0.75 per un totale di 75€. Se il prezzo scende a 16 noi compriamo le azioni a 16 con un guadagno di 2 € ad azione, per un guadagno su 100 azioni di 200€ – 75€ del premio delle 100 opzioni, guadagno totale di 135 €, se l’azione viceversa sale noi venderemo le nostre 100 FIAT all’acquirente delle calls ad un prezzo paria 18€ perdendo solo il premo dell’opzione.

 

 

FIGURA d:

 

E’ l’esatto opposto della figura A.  Prendiamo una posizione corta su azioni e su puts, in questo caso speriamo che il mercato scende con le stesse conseguenze della figura A, limitiamo il guadagno al valore di strike della puts – valore sottostante + prezzo della puts.

Strategie operative con opzioni e azioniultima modifica: 2007-08-16T14:45:00+02:00da hobbyborsa
Reposta per primo quest’articolo